Filosofia come modificazione della sensibilità