Il “segno linguistico” da Bréal a Saussure