Tra Settecento e Ottocento, il contrasto tra giardino geometrico alla francese e giardino paesaggistico all’inglese assume, nelle opere di Diderot, Rousseau e Voltaire, valenze di carattere esistenziale, pedagogico, morale e politico: la differenza tra le due forme di giardino – fissata nella doppia antinomia regolarità/spontaneità, artificio/ natura – arriva a significare simbolicamente la contrapposizione tirannia/libertà.

Etica ed estetica del giardino

COCCO, Vincenzo
2003

Abstract

Tra Settecento e Ottocento, il contrasto tra giardino geometrico alla francese e giardino paesaggistico all’inglese assume, nelle opere di Diderot, Rousseau e Voltaire, valenze di carattere esistenziale, pedagogico, morale e politico: la differenza tra le due forme di giardino – fissata nella doppia antinomia regolarità/spontaneità, artificio/ natura – arriva a significare simbolicamente la contrapposizione tirannia/libertà.
9788883354489
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/1635622
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact