L'opera di Kalisky (1936-1981) affonda le sue radici nei traumatismi storici del XX secolo: stalinismo, nazismo, fascismo, sionismo sono audacemente messi in scena e denunciati. La poetica della ripetizione struttura la forma stessa dell’opera senza coincidere con la nozione fatalista di eterno ritorno. Il tempo drammaturgico della ripetizione si presenta come fusione sintetica di dimensioni diverse, passato, presente e futuro. La ripetizione diviene mezzo d'analisi della storia e delle società contemporanee, strumento di presa di coscienza e di conservazione della memoria e sfocia infine su una nuova visione dell’impegno, contro la ripetizione delle tragedie storiche.

René Kalisky, une poétique de la répétition

SILVESTRI, AGNESE
2006-01-01

Abstract

L'opera di Kalisky (1936-1981) affonda le sue radici nei traumatismi storici del XX secolo: stalinismo, nazismo, fascismo, sionismo sono audacemente messi in scena e denunciati. La poetica della ripetizione struttura la forma stessa dell’opera senza coincidere con la nozione fatalista di eterno ritorno. Il tempo drammaturgico della ripetizione si presenta come fusione sintetica di dimensioni diverse, passato, presente e futuro. La ripetizione diviene mezzo d'analisi della storia e delle società contemporanee, strumento di presa di coscienza e di conservazione della memoria e sfocia infine su una nuova visione dell’impegno, contro la ripetizione delle tragedie storiche.
9789052013428
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11386/1954275
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact