Agli albori del Settecento il prestito a interesse - che si trattasse dei grandi mutui bancari o di modesti "prestiti alla voce" - era entrato nella prassi, suscitando le esecrazioni dei rigoristi cattolici, che trovavano però leciti i cosiddetti "censi bollari", consentiti dalle leggi canoniche. Rispetto a questi problemi Alfonso M. de' Liguori torna a dare prova di duttilità, seppure nella prospettiva di un diritto etico, in bilico tra modernità e tradizione.

Tra morale e ragion pratica. il dilemma delle “usurae” in Alfonso de’ Liguori

TRIFONE, Gian Paolo
2004

Abstract

Agli albori del Settecento il prestito a interesse - che si trattasse dei grandi mutui bancari o di modesti "prestiti alla voce" - era entrato nella prassi, suscitando le esecrazioni dei rigoristi cattolici, che trovavano però leciti i cosiddetti "censi bollari", consentiti dalle leggi canoniche. Rispetto a questi problemi Alfonso M. de' Liguori torna a dare prova di duttilità, seppure nella prospettiva di un diritto etico, in bilico tra modernità e tradizione.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/1958394
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact