Attraverso l’esame di Inferno VII e di Purgatorio VI e XVI il volume sviluppa un’articolata riflessione su due questioni centrali della critica dantesca: la funzione del linguaggio come fondamento della humanitas e l’organizzazione della polis come fondamento della felicità dell’uomo. La voce chioccia di Pluto e quella gorgogliata nella strozza dai peccatori da lui custoditi sono il simbolo figurale dell’assenza del verbum, categoria essenziale alla corretta comprensione delle vicende umane raffigurate nella fortuna. Marco Lombardo, a sua volta, come Sordello realizza in punta di desiderio l’ispirazione a una polis in grado di armonizzare natura e sovrannatura nell’uso equilibrato di ratio e verbum.

Due Studi Danteschi

CHIRICO, IRENE
2007

Abstract

Attraverso l’esame di Inferno VII e di Purgatorio VI e XVI il volume sviluppa un’articolata riflessione su due questioni centrali della critica dantesca: la funzione del linguaggio come fondamento della humanitas e l’organizzazione della polis come fondamento della felicità dell’uomo. La voce chioccia di Pluto e quella gorgogliata nella strozza dai peccatori da lui custoditi sono il simbolo figurale dell’assenza del verbum, categoria essenziale alla corretta comprensione delle vicende umane raffigurate nella fortuna. Marco Lombardo, a sua volta, come Sordello realizza in punta di desiderio l’ispirazione a una polis in grado di armonizzare natura e sovrannatura nell’uso equilibrato di ratio e verbum.
9788895045061
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11386/1993570
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact