Punto di svolta della produzione drammaturgica di Sigrid, "Quoi de neuf, Aruspice?" mette in scena un Giulio Cesare già al corrente della propria vicenda storica, preoccupato di interpretare bene il ruolo che la storia ha di lui tramandato come pure che qualcuno finisca per interpretarlo al proprio posto. Le dimensioni temporali si confondono, si sovrappongono, mentre la logica della "mise en abyme" impone dei processi di distanziazione che permettono al protagonista di percepire l’assurdità della propria esistenza e della Storia. Scegliendo un registro stilistico grottesco, Sigrid s’impegna inoltre in un gioco antifrastico col teatro hugoliano, in particolare con "Ruy Blas".

Au pas de course contre le temps. Quoi de neuf, Aruspice? de Jean Sigrid

SILVESTRI, AGNESE
2009

Abstract

Punto di svolta della produzione drammaturgica di Sigrid, "Quoi de neuf, Aruspice?" mette in scena un Giulio Cesare già al corrente della propria vicenda storica, preoccupato di interpretare bene il ruolo che la storia ha di lui tramandato come pure che qualcuno finisca per interpretarlo al proprio posto. Le dimensioni temporali si confondono, si sovrappongono, mentre la logica della "mise en abyme" impone dei processi di distanziazione che permettono al protagonista di percepire l’assurdità della propria esistenza e della Storia. Scegliendo un registro stilistico grottesco, Sigrid s’impegna inoltre in un gioco antifrastico col teatro hugoliano, in particolare con "Ruy Blas".
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/2290689
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact