Il saggio prende spunto dall'analisi di un testo di Carl Schmitt del 1930, in cui l'idea di pluralismo è demolita in modo radicale, a partire da un modello antropologico basato essenzialmente sui testi di Plessner e Heidegger. A un'indagine più accurata, risulta però che proprio lo stesso modello antropologico, se sviluppato senza pregiudizi, può aprire una prospettiva di pluralismo politico capace di far fronte all'erosione della sovranità statuale e alla tensione fra le istanze democratiche e le forme reticolari di potere e di governo della vita.

Antropologia del pluralismo politico

DE CAROLIS DI PROSSEDI, Massimo
2008

Abstract

Il saggio prende spunto dall'analisi di un testo di Carl Schmitt del 1930, in cui l'idea di pluralismo è demolita in modo radicale, a partire da un modello antropologico basato essenzialmente sui testi di Plessner e Heidegger. A un'indagine più accurata, risulta però che proprio lo stesso modello antropologico, se sviluppato senza pregiudizi, può aprire una prospettiva di pluralismo politico capace di far fronte all'erosione della sovranità statuale e alla tensione fra le istanze democratiche e le forme reticolari di potere e di governo della vita.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/2294361
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact