Il piacere della pittura (1934) è un'agevole introduzione alla matura teoria dell'arte di Clive Bell. perchè nelle sale di un museo siamo felici o infelici? Qual è l'orogine del piacere o del disappunto davanti ad un'opera d'arte? bell ci guida attraverso i musei di mezz'Europa per descrivere l'esperienza dell'arte: risposta alle qualità visive della forma, democratica ed elitaria allo stesso tempo, essa è antidoto alla pedanteria del connoisseur e alla presenzione dello snob

Clive Bell, Il piacere della pittura

TROTTA, Antonella
2012

Abstract

Il piacere della pittura (1934) è un'agevole introduzione alla matura teoria dell'arte di Clive Bell. perchè nelle sale di un museo siamo felici o infelici? Qual è l'orogine del piacere o del disappunto davanti ad un'opera d'arte? bell ci guida attraverso i musei di mezz'Europa per descrivere l'esperienza dell'arte: risposta alle qualità visive della forma, democratica ed elitaria allo stesso tempo, essa è antidoto alla pedanteria del connoisseur e alla presenzione dello snob
9788857506968
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/3137551
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact