Scopo del saggio è ricostruire la vicenda delle teorie dello sviluppo nel periodo successivo alla II Guerra Mondiale. Vengono evidenziati i connotati tanto degli approcci raccolti nella famiglia di teorie sull'inevitabilità del progresso, quanto di quelli aggregati nella famiglia di teorie dell'impossibilità del progresso. La parte conclusiva del lavoro è rivolta a identificare i percorsi di riflessione e ricerca attraverso cui giungere a uno sviluppo possibile. Emerge la necessità di un equilibrio tra le forze sociali interne, e tra queste e le forze esterne, per attivare percorsi di crescita e di modernizzazione che producano effettivi benefici in termini di livello e di qualità della vita.

Percorsi della sociologia dello sviluppo. Dalle antinomie ideologiche alle possibilità storiche

MADDALONI, Domenico
1994

Abstract

Scopo del saggio è ricostruire la vicenda delle teorie dello sviluppo nel periodo successivo alla II Guerra Mondiale. Vengono evidenziati i connotati tanto degli approcci raccolti nella famiglia di teorie sull'inevitabilità del progresso, quanto di quelli aggregati nella famiglia di teorie dell'impossibilità del progresso. La parte conclusiva del lavoro è rivolta a identificare i percorsi di riflessione e ricerca attraverso cui giungere a uno sviluppo possibile. Emerge la necessità di un equilibrio tra le forze sociali interne, e tra queste e le forze esterne, per attivare percorsi di crescita e di modernizzazione che producano effettivi benefici in termini di livello e di qualità della vita.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/3198477
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact