Limite simmeliano, spazio e costruzione identitaria: i casi di città divise e gated communities