E.M. Forster e la fine del mito classico