Venere e Cefisa. Due traduzioni di Montesquieu a Napoli