Buonaiuti, D’Elia, De Luca e il modernismo in un piccolo carteggio