Sindrome di Smith-Lemli--Opitz. A proposito di un caso clinico