Sulla documentazione notarile in forma di registro: spunti da un protocollo sarnese del Quattrocento