Il “manoscritto Pinto” come fonte storica per alcune famiglie di antica nobiltà (secoli XI-XV)