La professione medica tra "essere", "fare" e "sapere relazionale"