La lingua eccentrica: le parole tra estesiologia e morfologia della cultura