Invertendo un cammino secolare contrassegnato da tenaci resistenze alle regole ed ai controlli esterni sugli enti e le istituzioni rientranti nella propria orbita, le Confessioni – in primis la Chiesa cattolica – compaiono ora in prima linea nella battaglia di trasparenza e legalità nella gestione dei flussi e dei rapporti finanziari che le riguardano condotta dalle istituzioni europee ed internazionali. Il saggio analizza contenuti e significato della legislazione dedicata, segnalandone il problematico significato quale forma aggiornata di manifestazione del principio di cooperazione/collaborazione tra Stato e Chiese.

La legislazione vaticana in materia finanziaria: un banco di prova dell’art. 17 del TUE e dei principi di collaborazione e cooperazione tra Chiese, Stato e Unione Europea

FOLLIERO, Maria Cristina
2013

Abstract

Invertendo un cammino secolare contrassegnato da tenaci resistenze alle regole ed ai controlli esterni sugli enti e le istituzioni rientranti nella propria orbita, le Confessioni – in primis la Chiesa cattolica – compaiono ora in prima linea nella battaglia di trasparenza e legalità nella gestione dei flussi e dei rapporti finanziari che le riguardano condotta dalle istituzioni europee ed internazionali. Il saggio analizza contenuti e significato della legislazione dedicata, segnalandone il problematico significato quale forma aggiornata di manifestazione del principio di cooperazione/collaborazione tra Stato e Chiese.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4203453
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact