LE RADICI DELLA DISUGUAGLIANZA. LA POTENZA DEI MODERNI