Il saggio argomenta come il desiderio sia costituito da due tendenze che possono contrapporsi antinomicamente o comporsi armonicamente: la tendenza ad appagarsi e la tendenza a perpetuarsi. Il desiderio è desiderio di qualcosa, di ciò che lo appaga – dunque tendenza ad appagarsi -, e insieme desiderio di sussistere come desiderio, desiderio di desiderare, dunque tendenza a perpetuarsi. Queste due tendenze si contrappongono antinomicamente se il desiderio si estingue con l’appagamento. Estinguendosi con l’appagamento il desiderio di qualcosa, di quella determinata cosa che si desidera, resta insoddisfatto il desiderio di desiderare. E viceversa, il soddisfacimento del desiderio di desiderare implica il restare inappagato del desiderio di qualcosa. Ma se il desiderio coesiste con l’atto dell’appagamento tali tendenze possono comporsi armonicamente: il desiderio può appagarsi in virtù della propria tendenza a persistere, non a suo discapito. E’ quanto emerge da questo saggio, attraverso un dialogo con l’opera di Freud, Lacan Bion, Platone, Sartre. (libro segnalato su "a Repubblica", 29 settembre 2013).

Il desiderio possibile

PULLI, Gabriele
2013

Abstract

Il saggio argomenta come il desiderio sia costituito da due tendenze che possono contrapporsi antinomicamente o comporsi armonicamente: la tendenza ad appagarsi e la tendenza a perpetuarsi. Il desiderio è desiderio di qualcosa, di ciò che lo appaga – dunque tendenza ad appagarsi -, e insieme desiderio di sussistere come desiderio, desiderio di desiderare, dunque tendenza a perpetuarsi. Queste due tendenze si contrappongono antinomicamente se il desiderio si estingue con l’appagamento. Estinguendosi con l’appagamento il desiderio di qualcosa, di quella determinata cosa che si desidera, resta insoddisfatto il desiderio di desiderare. E viceversa, il soddisfacimento del desiderio di desiderare implica il restare inappagato del desiderio di qualcosa. Ma se il desiderio coesiste con l’atto dell’appagamento tali tendenze possono comporsi armonicamente: il desiderio può appagarsi in virtù della propria tendenza a persistere, non a suo discapito. E’ quanto emerge da questo saggio, attraverso un dialogo con l’opera di Freud, Lacan Bion, Platone, Sartre. (libro segnalato su "a Repubblica", 29 settembre 2013).
9788865311417
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4226254
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact