La rappresentazione dell'altro nei dispositivi biopolitici