Il giudice e il 'fatto': nuove suggestioni del pensiero vichiano