Immaginario, immaginazione e politica: tracce di una genealogia