Nota introduttiva a L. Boltanski, Erving Goffman e il tempo del sospetto