L'indeducibilità dell'origine: tra Schmitt e Hegel