Il ‘nulla’ della comunità