La fotografia ai tempi della «realtà aumentata»