Intervista a Giulio Angioni, Sulla normalità di essere poeti (e anche antropologi)