Scritto negli anni quaranta del Cinquecento in polemica con i critici delle violenze iberiche nel Nuovo Mondo, il Democrates secundus di Juan Ginés de Sepúlveda (1490-1573) è considerato una delle principali testimonianze dell’approccio tragicamente autocentrato che per secoli ha dominato i rapporti tra l’Europa e il resto del mondo. In quest’opera, l’umanista Sepúlveda – fine lettore dei testi di Aristotele e di Cicerone – si serve della sua vasta erudizione per giustificare le ragioni dei conquistadores, usando argomenti filosofici, giuridici e teologici che culminano nell’affermazione della «barbarie naturale» degli indios. In un momento in cui la cultura occidentale è impegnata in una riflessione a tutto campo sulla propria identità coloniale, il testo di Sepúlveda ha assunto di fatto una nuova attualità e per questo lo si propone per la prima volta ai lettori italiani in una traduzione commentata, corredata del testo originale, che inaugura la collana Societas hominum, specificamente dedicata ai rapporti tra guerra e diritto e agli incontri – e scontri – tra civiltà.

Democrate secondo, ovvero sulle giuste cause di guerra

TARANTO, Domenico
2009

Abstract

Scritto negli anni quaranta del Cinquecento in polemica con i critici delle violenze iberiche nel Nuovo Mondo, il Democrates secundus di Juan Ginés de Sepúlveda (1490-1573) è considerato una delle principali testimonianze dell’approccio tragicamente autocentrato che per secoli ha dominato i rapporti tra l’Europa e il resto del mondo. In quest’opera, l’umanista Sepúlveda – fine lettore dei testi di Aristotele e di Cicerone – si serve della sua vasta erudizione per giustificare le ragioni dei conquistadores, usando argomenti filosofici, giuridici e teologici che culminano nell’affermazione della «barbarie naturale» degli indios. In un momento in cui la cultura occidentale è impegnata in una riflessione a tutto campo sulla propria identità coloniale, il testo di Sepúlveda ha assunto di fatto una nuova attualità e per questo lo si propone per la prima volta ai lettori italiani in una traduzione commentata, corredata del testo originale, che inaugura la collana Societas hominum, specificamente dedicata ai rapporti tra guerra e diritto e agli incontri – e scontri – tra civiltà.
9788874622191
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4500858
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact