Il plusvalore politico della soggettività in Hegel