Foucault e la naturalizzazione dell’umano