Il contributo è incentrato sulla valutazione della sicurezza statica e sismica del tessuto edilizio in centri urbaniconsolidati. A tal fine, si presenta una sperimentazione condotta in un ambito urbano della città di Salerno, in cui prevale un’edilizia storica piuttosto omogenea, realizzata perlopiù entro la prima metà del XX secolo. In un Paese come il nostro, caratterizzato da una sismicità media e da una considerevole presenza di edilizia storica ad elevata vulnerabilità, si ritiene indispensabile produrre analisi speditive al fine di supportare iniziative e politiche finalizzate alla mitigazione del rischio sismico. Il lavoro, pertanto, privilegiando un indirizzo di studio a larga scala, vuole contribuire allo sviluppo di un processo metodologico che consenta un’analisispeditiva del rischio statico e sismico di edifici appartenenti a centri urbani sulla base della loro predisposizione al danneggiamento (vulnerabilità sismica), della pericolosità sismica del sito e dell’esposizione. La metodologie investigata, utilizzando dati poveri, consente di valutare, con un procedimento multicriterio, il rischio sismico unitario degli edifici storici, mediante l’impiego di curve di fragilità, ottenute sulla base di procedure standardizzate, e della pericolosità del sito, tenendo conto del ruolo strategico e dell’uso dei singoli edifici. Il risultato è espresso in termini di scenari di danno per l’ambito urbano considerato.

Sicurezza e conservazione dei centri storici: analisi del rischio sismico in un ambito consolidato della città di Salerno

RIBERA, Federica;PETTI, Luigi;
2014

Abstract

Il contributo è incentrato sulla valutazione della sicurezza statica e sismica del tessuto edilizio in centri urbaniconsolidati. A tal fine, si presenta una sperimentazione condotta in un ambito urbano della città di Salerno, in cui prevale un’edilizia storica piuttosto omogenea, realizzata perlopiù entro la prima metà del XX secolo. In un Paese come il nostro, caratterizzato da una sismicità media e da una considerevole presenza di edilizia storica ad elevata vulnerabilità, si ritiene indispensabile produrre analisi speditive al fine di supportare iniziative e politiche finalizzate alla mitigazione del rischio sismico. Il lavoro, pertanto, privilegiando un indirizzo di studio a larga scala, vuole contribuire allo sviluppo di un processo metodologico che consenta un’analisispeditiva del rischio statico e sismico di edifici appartenenti a centri urbani sulla base della loro predisposizione al danneggiamento (vulnerabilità sismica), della pericolosità sismica del sito e dell’esposizione. La metodologie investigata, utilizzando dati poveri, consente di valutare, con un procedimento multicriterio, il rischio sismico unitario degli edifici storici, mediante l’impiego di curve di fragilità, ottenute sulla base di procedure standardizzate, e della pericolosità del sito, tenendo conto del ruolo strategico e dell’uso dei singoli edifici. Il risultato è espresso in termini di scenari di danno per l’ambito urbano considerato.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4541657
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact