Strategie globali e scelte produttive: omogeneità o differenziazione?