Un falso Rinascimento? Il barone Michele Lazzaroni e la scultura