Il rischio tra fascinazione e precauzione