Su di un libro di Carlo Papini: Da vescovo di Roma a Sovrano del mondo