Il cosmopolitismo come esperienza estetica: il contributo della teoria durkheimiana del rituale