Secondo Benjamin, il mito è una dimensione in cui siamo sempre già immersi; possiamo fermarlo solo mediante un frammento di etica. L'approccio ad esso può essere esclusivamente allegorico. Il mito è destino, che è, il contesto di colpa estraneo sia alla felicità che alla redenzione. Esso non riguarda la religione, ma piuttosto la legge, che è intesa come modello coercitivo. Il capitalismo è una forma del mito come la storia naturalizzata e forza del debito.

Il mito come contesto della colpa: sulle tracce di Benjamin

BAZZICALUPO, Laura
2014

Abstract

Secondo Benjamin, il mito è una dimensione in cui siamo sempre già immersi; possiamo fermarlo solo mediante un frammento di etica. L'approccio ad esso può essere esclusivamente allegorico. Il mito è destino, che è, il contesto di colpa estraneo sia alla felicità che alla redenzione. Esso non riguarda la religione, ma piuttosto la legge, che è intesa come modello coercitivo. Il capitalismo è una forma del mito come la storia naturalizzata e forza del debito.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4650537
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact