Il mito come contesto della colpa: sulle tracce di Benjamin