L'origine, la ferita. Memoria e immagini in Shutter Island