Uno strano triangolo: Peirce, la democrazia e la retorica