Si analizza il carattere eversivo di una nuova e inquieta femminilità, che, rappresentata da un sorprendente Nievo, nostro contemporaneo, con fine capacità introspettiva, si rivela graduata dall’energia labirintica e sfuggente dei desideri, affioranti, segreti e profondi, irregolari e contraddittori, negli episodi più emblematici e significativi del romanzo. Al centro dell’indagine sono tutte le complesse traiettorie diegetiche, che si distanziano e si intersecano secondo un ritmo narrativo non banalmente superficiale, ma modulato e controllato dalla precoce consapevolezza metaletteraria del giovane autore: da un’infanzia inquieta tra innocenza e malizia alle molteplici parabole esistenziali di amori clandestini e di tensioni incestuose, dai sofferti doveri verso la patria agli oscuri e insondabili meandri subliminali che spingono i protagonisti a fughe improvvise e a imprevisti ritorni in una vasta opera polifonica, dotata anche di un irresistibile «fascino romanzesco», secondo un illuminante giudizio di Italo Calvino, dato in un’intervista a Maria Corti e riportato in esergo.

Illuminazioni del Moderno e femminilità eversive nelle «Confessioni» di Ippolito Nievo

GIULIO, Rosa
2015

Abstract

Si analizza il carattere eversivo di una nuova e inquieta femminilità, che, rappresentata da un sorprendente Nievo, nostro contemporaneo, con fine capacità introspettiva, si rivela graduata dall’energia labirintica e sfuggente dei desideri, affioranti, segreti e profondi, irregolari e contraddittori, negli episodi più emblematici e significativi del romanzo. Al centro dell’indagine sono tutte le complesse traiettorie diegetiche, che si distanziano e si intersecano secondo un ritmo narrativo non banalmente superficiale, ma modulato e controllato dalla precoce consapevolezza metaletteraria del giovane autore: da un’infanzia inquieta tra innocenza e malizia alle molteplici parabole esistenziali di amori clandestini e di tensioni incestuose, dai sofferti doveri verso la patria agli oscuri e insondabili meandri subliminali che spingono i protagonisti a fughe improvvise e a imprevisti ritorni in una vasta opera polifonica, dotata anche di un irresistibile «fascino romanzesco», secondo un illuminante giudizio di Italo Calvino, dato in un’intervista a Maria Corti e riportato in esergo.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4667414
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact