Si tratta di una riflessione sul ruolo delle organizzazioni religiose nelle dinamiche espansive dei diritti fondamentali come implementati dal Trattato di Lisbona e dalla carta europea dei diritti fondamentali in particolare. Il saggio evidenzia come le religioni a livello europeo si configurino quali attori non privilegiati dello spazio politico negoziale a differenza di alcuni stati nazionali (es. Italia) dove il retaggio politico normativo c.d. "pattizio" (concordati, intese) assicura ancora status privilegiari e deroga alla legalità costituzionale.

Chiese e organizzazioni religiose nel Trattato di Lisbona

MACRI', Gianfranco
2008

Abstract

Si tratta di una riflessione sul ruolo delle organizzazioni religiose nelle dinamiche espansive dei diritti fondamentali come implementati dal Trattato di Lisbona e dalla carta europea dei diritti fondamentali in particolare. Il saggio evidenzia come le religioni a livello europeo si configurino quali attori non privilegiati dello spazio politico negoziale a differenza di alcuni stati nazionali (es. Italia) dove il retaggio politico normativo c.d. "pattizio" (concordati, intese) assicura ancora status privilegiari e deroga alla legalità costituzionale.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4668556
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact