Se la scienza contemporanea è l’ultima «eresia cristiana»