Una «mente critica» per l’Europa, così si difende la democrazia