Lo spazio pedagogico del 'come se'. Morfologia narrativa tra oralità e digitalità