Due note a Lucano 7 (58-59; 262)