Alfieri non approda al concetto di patria, perché per lui una patria senza libertà non può esistere. È una libertà ancora apollinea e la patria, che gli si configura come qualcosa di astratto, con lineamenti fantastici, ideali, è la patria dei superuomini, platonica. Si comprende dunque la “virtù sconosciuta” di Jacopo, che, se richiama quella di Gori Gandellini, a cui è stata preclusa la possibilità di esplicarla, è invece manifesta e reale per Ortis, convinto che la conoscenza della nobiltà d’animo e i grandi valori morali possano essere d’utilità pubblica.

Ethos, pathos e 
sublime: 
Ortis 
e 
la Virtù 
sconosciuta
 di 
Vittorio 
Alfieri

SANTOLI, Carlo
2014

Abstract

Alfieri non approda al concetto di patria, perché per lui una patria senza libertà non può esistere. È una libertà ancora apollinea e la patria, che gli si configura come qualcosa di astratto, con lineamenti fantastici, ideali, è la patria dei superuomini, platonica. Si comprende dunque la “virtù sconosciuta” di Jacopo, che, se richiama quella di Gori Gandellini, a cui è stata preclusa la possibilità di esplicarla, è invece manifesta e reale per Ortis, convinto che la conoscenza della nobiltà d’animo e i grandi valori morali possano essere d’utilità pubblica.
978-884673945-2
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4684940
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact