Il Giustino di Carlo Goldoni non è un pasticcio del melodramma di Beregan, ma un’opera autonoma, resa in uno stile nuovo. Il confronto tra l’autografo, l’edizione Zatta e un testimone manoscritto conservato presso l’Archivio dell’Accademia Roveretana degli Agiati si è rivelato utile per comprendere come sia stato reinventato da Goldoni il linguaggio drammaturgico, facendo emergere il valore del testo, di cui sono stati indagati i motivi iconologico-simbolici, il ruolo dei personaggi, la varietà dei caratteri, la funzione etica, pedagogica e civile dell’eroe.

Introduzione a "Giustino" di Carlo Goldoni

SANTOLI, Carlo
2016

Abstract

Il Giustino di Carlo Goldoni non è un pasticcio del melodramma di Beregan, ma un’opera autonoma, resa in uno stile nuovo. Il confronto tra l’autografo, l’edizione Zatta e un testimone manoscritto conservato presso l’Archivio dell’Accademia Roveretana degli Agiati si è rivelato utile per comprendere come sia stato reinventato da Goldoni il linguaggio drammaturgico, facendo emergere il valore del testo, di cui sono stati indagati i motivi iconologico-simbolici, il ruolo dei personaggi, la varietà dei caratteri, la funzione etica, pedagogica e civile dell’eroe.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11386/4687612
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact